Già da tempo il mondo è alle prese con la digital disruption,  si tratta di un cambiamento tecnologico in rapidissima evoluzione che sta spazzando via tutti gli schemi tradizionali e il retail è uno dei settori che maggiormente subisce  questa rivoluzione digitale.

Questo cambiamento coinvolge tutti, grandi catene e piccole realtà, ma siamo sicuri che analizzando il problema non sia possibile trasformarlo in una opportunità di crescita?

Molti hanno implementato la loro gestione con siti di e-commerce, ma ciò non è più sufficiente per competere, oggi c’è bisogno di una strategia  “omni canale” dove, al negozio fisico, devono essere integrate piattaforme online, mobile, social network, in modo da consentire al consumatore di iniziare la sua esperienza di acquisto su un canale e continuarla sugli altri in maniera semplice e lineare.

  • Ci si informa online su prezzi e caratteristiche, però poi si va in negozio per acquistare il prodotto;
  • Si compra online il prodotto ma si preferisce ritirarlo in negozio;
  • Si sceglie e si compra il prodotto in negozio ma si chiede la consegna direttamente presso il domicilio;
  • Ci si reca al negozio fisico per vedere il prodotto ma poi si usa lo store online per ordinarlo e pagarlo;

Questi sono solo alcuni esempi di omnicanalità e non servono grandi investimenti, ma è possibile fornire subito ai clienti nuovi servizi a costo zero, sfruttando semplicemente le potenzialità del mobile.